lifestyle

Come (non) ci siamo organizzati per l’arrivo di Sebastian

Ebbene sì: siamo dei genitori snaturati!

La verità è che siamo dei genitori abituati a vivere alla giornata e così abbiamo fatto anche con l’arrivo di Sebastian e se tornassi indietro farei ancora lo stesso.

IMG_3716

Durante la mia gravidanza vedevo continuamente futuri genitori preparare la camerette e comprare cose su cose, noi invece, magari anche un po’ inconsciamente secondo alcuni,  avevamo pensato a solo tre cose fondamentali: una cassettiera che abbiamo sistemato in sala,una culla/cesta che abbiamo sistemato di fianco al letto e al trio che abbiamo lasciato a casa dei miei genitori fino alla nascita di Sebastian.

Abbiamo deciso di non fare la cameretta innanzi tutto perché non avendola dovremo fare dei lavori e ammetto tranquillamente che a quei tempi di soldi non ce ne erano molti, tanto meno per una cameretta, ma  abbiamo già pensato che la ricaveremo dividendo la sala che è abbastanza grande, inoltre ci sembrava una spesa inutile, perché comunque Sebastian avrebbe sicuramente dormito in camera con noi per almeno i primi 6 mesi/primo anno.

Partiamo poi dal presupposto che casa nostra è organizzata male, nel senso che viviamo in un trilocale su due piani, al piano di sotto abbiamo la cucina e il bagno e al piano di sopra abbiamo la sala, la camera da letto e un bagnetto di servizio e se mi fossi organizzata come avevo pensato in gravidanza, mi sarei comunque ritrovata a riorganizzare tutto una volta tornata a casa.

Inizialmente non volevo il fasciatoio, mi sembrava solo una cosa ingombrante e inutile, appena tornata a casa dall’ospedale la sera stessa mi sono fatta portare il fasciatoio di mia nipote che mia sorella stava scartando, prima di tornare a casa con Sebastian avevo pensato che l’avrei cambiato sul letto o sul tavolo (ovviamente con un fasciatoio poratile sotto) dopo il primo cambio ho chiamato subito mia sorella e mio padre per farmi portare il fasciatoio.

Alla fine ho optato per un fasciatoio vero e proprio più che altro per la quantità industriale di prodotti comprati e soprattutto regalati, per asciugamani vari che non ci sarebbero mai stati solo nella cassettiera che avevamo preparato noi, visto che tra l’altro era già piena di vestitini, copertine ecc.

Il fasciatoio che abbiamo ora l’abbiamo sistemato in cucina, vicino al bagno che comunque sarebbe stato troppo piccolo per contenerlo ed è uno di quei fasciatoi con anche la vaschetta incorporata, vaschetta che però non abbiamo mai usato se non per metterci le scorte di pannolini, per il bagnetto usiamo una vaschetta regalata da mia mamma che tengo sopra alla lavatrice e che uso anche per mettere i vestiti sporchi di Sebastian.

IMG_3732

Dopo una ventina di giorni a casa, ho deciso di comprare un mangiapannolini, per alcuni può sembrare una spesa inutile, ma non per me, in quanto nel comune dove viviamo ritirano il secco solo una volta a settimana, di buttare i pannolini nel cestino della cucina non mi andava perché gli odori si sentivano subito dopo e uguale nel bidono fuori, più che altro perché di fianco al bidone abbiamo un tavolino con sedie da esterno dove alcune volte ci piace fare colazioni o aperitivi e sinceramente non mi andava di fare colazioni e aperitivi al profumo di cacca.

Il mangia pannolini l’abbiamo comprato su Amazon, così come anche le ricariche, lo utilizzo solo per i pannolini sporchi di cacca perché comunque le ricariche non sono proprio economiche ma fanno il loro lavoro, ovvero non far traspirare gli odori sgradevoli.

Ovviamente il telaio del passeggino lo teniamo in cucina con la navicella agganciata, in modo tale che se Sebastian dorme di giorno (quelle poche volte che dorme) è in cucina insieme a me.

inoltre in cucina ho anche una sdraietta, dopo sistemo Sebastian quando magari devo fare qualcosa in casa, devo dire che ora ci sta molto più volentieri rispetto all’inizio e anche se durante il giorno dorme veramente poco, grazie alla sdraietta riesco comunque a fare quello che devo fare, ovviamente sempre a rate.

In sala abbiamo sistemato una cassettiera,dove tengo tutti i vestiti di Sebastian e le sue lenzuola, copertine e anche tre biberon che non ho mai usato.

 

Successivamente abbiamo messo un mobiletto dove appoggio l’ovetto quando non lo uso, sul tappeto tra il divano e la televisione ho sistemato un altro tappeto per Sebastian dove ovviamente non ci si sale con ciabatte e scarpe e dove ho sistemato anche la sua palestrina.IMG_3722

Infine in camera ho sistemato la sua culla di fianco al letto dalla mia parte, mentre sul comodino mi sono sistemata il fasciatoio portatile con una paio di pannolini e le salviettine, in modo tale che se devo cambiarlo di notte e non ho voglia di scendere posso fare tutto comodamente sul letto.

Sebastian anche senza una cameretta tutta per lui e mille giochi è comunque un bambino sereno e felice e noi probabilmente più che genitori snaturati siamo solo parsimoniosi.

 

 

Annunci

3 thoughts on “Come (non) ci siamo organizzati per l’arrivo di Sebastian”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...